Trading Forex su: AUD/NZD, DAX e ITA40

Rieccoci con la nostra classica rubrica settimanale di forex trading, dove ti facciamo vedere come lavoriamo con i nostri iscritti premium. Ovviamente la differenza tra un iscritto premium e l’articolo che stai leggendo, e che non inseriamo gli ingressi. Ecco la nostra watchlist per questa settimana:

  • AUD/NZD
  • GER30
  • ITA40
  • EUR/AUD (chiusa in profitto)

AUDNZD

Questo cross è interessante per fare trading in quanto il dollaro australiano continua ad indebolirsi. Gli istituzionali stanno continuando ad aprire posizioni short. Analizzando i grafici vediamo come la resistenza dinamica del 24/01/2014 che è stata rotta 09/12/2014 ha tenuto al ritest del prezzo il 28/01/2015. Altro punto a nostro favore per ricercare un trade short.

Motivazione del trade:

  • Confluenze di resistenze dinamiche di medio periodo e lungo periodo (EMA 100 periodi e trendline)
  • Resistenza statica di lungo periodo che vede come area di prezzo 1,060 / 1,070
  • Posizionamento short istituzionali, numero di contratti short passati da -45.000 a -48.000

GER30 (DAX)

Interessante punto di massimo che potrebbe riportare i prezzi in area 10.200. Essendo un contro-trend fate molta attenzione e aprite una posizione con un rischio molto più basso del solito. Cercate di gestire in maniera corretta il numero di posizioni a mercato contemporaneamente (non più di 2/3). Se avete più di 2 posizioni aperte nella vostra piattaforma trading, vi consiglio di evitare questo contro-trend.

Motivazione del trade:

  • Potenziale doppio massimo
  • RSI in divergenza ribassista confermata
  • PATTERN ABCD confermato
  • Potenziale chiusura del ciclo mensile

ITA40

(Settimana del 26/01/2015) Attendiamo un pull-back sul supporto in area 20.054 per ricercare ingressi long.

Attendiamo gli sviluppi del prezzo nella sessione di lunedì e martedì per decidere e valutare se è il momento corretto per entrare a mercato.

trading

EUR/AUD

(Settimana del 26/02/2015) Questo cross è interessante sia a livello di configurazione grafica che a livello di posizionamento degli istituzionali. Veniamo da una debolezza dell’euro che si è protratta oramai da mesi con l’ultimo annuncio di Draghi sull’inizio del QE che ha portato una ventata di area fresca sui mercati finanziari.  Se pur ancora molto debole l’euro potrebbe iniziare nelle prossime sessione a riguadagnare un po’ di terreno perso soprattutto contro valute come il dollaro australiano che è in un momento di debolezza.

Motivazioni di ingresso:

  • Posizionamento in vendita sull’australiano da parte degli investitori istituzionali
  • Supporto statico di lungo periodo in area 1,40/1,4030
  • Supporto dinamico che parte dal 7 agosto 2012 e che ha contenuto molto bene i prezzi delle ultime sedute di contrattazione

Quindi possibile ingresso in buy limit a 1,4130 con stop loss a 1,3945 e take profit secco o gestione della posizione (chiusura di metà posizione e lasciare correre l’altra metà)  a 1,4490.

Posizione chiusa a profitto. 

 Ti auguro un buon inizio settimana e un buon trading.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.