Scandalo nel Forex: Cosa è successo? Chi ci ha rimesso?

Notizia di qualche mese fa, nel forex poteva scoppiare un piccolo scandalo che sarebbe andato ad interessare gran parte delle banche della city di Londra e non, e con nomi (degli istituti) altisonanti. Ma vediamo cosa è successo nel dettaglio in quel periodo e se la questione è stata sepolta oppure no.

Il tutto è iniziato il 30 settembre scorso, quando il COMCO (commissione concorrenza) aveva aperto una inchiesta preliminare su alcune presunte manipolazioni nel mondo dello scambio delle valute.

Dopo alcune indagini (che non sono ancora concluse) che stanno durando non poco (all’incirca da 7 mesi) si è venuta a scoprire che oltre all’Inghilterra c’è anche sotto inchiesta la Svizzera, due nazioni che investono molto nelle loro city sia nel forex e sia in altri asset finanziari.

Quali sono state le banche coinvolte?

Secondo sempre l’istituto della commissione di concorrenza le banche (elvetiche) coinvolte sarebbero: Credit Suisse, UbsZürcher KantonalbankJulius Bär & Co.

Mentre per quanto riguarda quelle inglesi (e non) sarebbero: JP MorganCitigroupBarclays Bank e Royal Bank of Scotland Group

Cosa sostiene la COMCO?

Sussistono indizi secondo i quali tra queste banche sono stati stretti accordi per manipolare il tasso di cambio nel commercio delle valute

Ma quali sono stati questi accordi tra le banche interpellate? 

In particolare i possibili accordi illeciti riguardano: lo scambio di informazioni riservate, la coordinazione generale riguardo l’acquisto e la vendita di valute a un determinato prezzo concordato, delle azioni coordinate per influenzare il WM/Reuters Fix, così come la coordinazione di acquisto e vendita di valute in relazione a determinate controparti

Reazioni dagli ambienti finanziari e dalle banche

Al momento la banca “sotto assedio” in questo scandalo sul forex sembrerebbe la Bank of England, questo dettato dal fatto che a fine marzo ha sospeso un dipendente che sembrerebbe coinvolto in questo caso. Anche però in questo caso non sussistono fatti collusivi che incolpano il dipendente. 

Sarà interessante vedere come si evolverà la situazione anche se al momento sembrerebbe tutto tacere, anche se c’è da dire che siamo sotto inchiesta ed in questi campi, prima di emettere notizie del genere, si approfondisce e si accertano tutte le news.

Al momento abbiamo solo notizie che scottano, che non bruciano il mercato ma che se verificate potrebbero far bruciare gran parte del sistema.

E te cosa ne pensi di tutta questa vicenda e di questo piccolo scandalo sul forex che non ha ancora preso vita del tutto? 

1 Comment

Pingback: upnews.it
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.