Il rischio dell’ebola terrorizza davvero l’EUR/USD?

Erano i primi giorni d’aprile, quando i giornali (e i più importanti social network, primo tra tutti Facebook) iniziarono a diffondere notizie allarmanti: secondo loro, infatti, l’epidemia di ebola diffusasi nel nordafrica avrebbe serie probabilità di contagiare l’Italia, e di qui l’Europa intera.

Esaminiamo come ciò ha influenzato il cambio EUR/USD.

Le prime reazioni

Queste notizie si sono diffuse intorno al 7 aprile, data in cui l’EUR/USD si attestava intorno all’1.3704. A seguito di queste notizie (contrariamente a quanto ci si aspetterebbe per lo più) l’euro subisce un vertiginoso rafforzamento a scapito del dollaro americano; rafforzamento che termina l’11 aprile, data in cui il cambio attesta sull’1.3886.

Da quanto possiamo notare, dunque, la diffusione delle voci riguardanti l’ebola ha rafforzato l’euro.

Le smentite

Proprio l’11 aprile iniziano le smentite: gli esperti definiscono a dir poco improbabile l’ipotesi che il contagio raggiunga il vecchio continente, seguiti a ruota dal ministero della salute e in un secondo tempo dal MIUR.

L’11 aprile, come già abbiamo detto, il cambio era fermo all’1.3886. A seguito di queste rassicuranti dichiarazioni da parte delle autorità italiane, si ha un rafforzamento del dollaro, che porta il cambio EUR/USD all’1.3812 al 16 di aprile.

EUR/USD

Abbiamo dunque una netta perdita di valore dell’euro, che si trova svalutato fortemente, anche senza avvicinarsi ai livelli del 7 aprile (in tale data tuttavia il livello del cambio EUR/USD era nettamente sotto alla media, non troviamo livelli di cambio così bassi dal 27 di febbraio dello stesso anno.

40 casi già in Italia, ma era solo una bufala

La notizia di 40 casi approdati in Italia ha raggiunto i giornali (e soprattutto le reti) nei giorni appena prima le festività pasquali. La data precisa della della diffusione di tali notizie è ignota, visto che esse sono state divulgate mediante social network.

Esse parlavano di 40 casi accertati di ebola già presenti sul suolo italiano, causando il panico generale, anche se l’andamento del cambio EUR/USD non ne è stato influenzato (la falsa notizia non ha valicato i confini italiani).

La vigilia di Pasqua il governo italiano ha deciso di contrastare energicamente la bufala, che era ormai parecchio diffusa, mediante un comunicato stampa. A seguito di questo comunicato possiamo notare un lieve innalzamento del cambio a favore della moneta unica, anche se ciò non può essere attribuito con sicurezza con sicurezza a questa dichiarazione, poiché tale rafforzamento era già in moto dal giorno precedente.

E secondo te, una epidemia potrebbe influenzare i mercati sia azionari che monetari come l’EUR/USD?

1 Comment

Pingback: upnews.it
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.