Presentazione azienda del settore energetico: Enel

Proseguiamo con l’analisi delle principali blue chip italiane e americane. Nelle prossime settimane, andremo a presentare ogni singola azienda italiana e non, per poi cominciare ad analizzarle sia da un punto di vista fondamentale (bilanci) e sia da un punto di vista grafico.

Ecco gli argomenti che tratteremo:

Dopo aver parlato di Fiat la scorsa settimana, quest’oggi andiamo a scoprire la principale blue chip italiana del settore energetico: Enel.

Chi è e cosa fa enel?

Enel è una multinazionale produttrice e distributore di elettricità e gas.

Enel, che originariamente stava per Ente nazionale per l’energia elettrica, si è trasformato come un ente pubblico alla fine del 1962, e poi trasformata in società per azioni nel 1992. Nel 1999, a seguito della liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica in Italia, Enel è stata privatizzata. A partire dal febbraio 2015, il governo italiano è il proprietario del 25,5% delle azioni della società.

Nel 2014, Enel ha un personale di circa 70.000 persone e funziona in circa 30 paesi e, alla fine del 2013 è diventata la 56° società al mondo per fatturato. Infatti, la società fa parte dell’Euro Stoxx 50 del mercato azionario.

Origini di enel dal 1800 ad oggi

Nel 1898, la produzione di energia elettrica in Italia è stata di 100 milioni di chilowattora. La maggior parte dell’energia elettrica in quel tempo è stata prodotta da aziende private a livello regionale o da società collegate ad altri enti industriali, che erano sia a livello locale e regionale, legate da una caratteristica specifica del territorio:. le sue risorse idrogeologiche.

Lo stato ha sovvenzionato la costruzione di centrali elettriche e di qualsiasi lavoro di costruzione necessario nel territorio, al fine di aumentare la produzione di energia elettrica. In termini di distribuzione, lo stato è intervenuto nel 1961, unificando le tariffe nazionali sulla base di classi di consumo e richiedendo alle società elettriche di fornire l’accesso all’energia elettrica a tutti.

Cosa accadde nel 1962?

Nel 1962, il governo ha istituzionalizzato l’Ente per l’energia elettrica, con l’obiettivo di rendere l’elettricità un mezzo per lo sviluppo del paese e per definire una politica nazionale per l’energia elettrica sulla base delle esperienze di altri paesi come la Francia e la Gran Bretagna.

Logo Enel (1963-1982)

All’inizio del 1962, il governo Fanfani si è impegnato a mettere insieme una proposta per l’unificazione del sistema elettrico nazionale, però dopo tre mesi il governo fu sfiduciato. Il 26 giugno del 1962 la Camera dei Deputati, ha presentato un disegno di legge che sanciva i principi e le procedure per la costituzione dell’ente per l’energia elettrica (ENEL)

Secondo il disegno di legge, Enel stava per acquisire tutte le attività di tutte le società che operano nel settore della produzione, trasformazione, trasmissione e distribuzione di energia elettrica.

Le procedure per valutare il valore delle società acquisite sono stati definiti, e si è stabilito che il risarcimento dovesse essere pagato ai creditori in 10 anni ad un tasso d’interesse del 5,5%. Il 1962 è stato da considerarsi un anno di transizione, in cui tutte le entrate e le spese delle società acquisite sarebbero state trasferite a Enel. Il 1963 fu quindi il primo anno di attività della nuova società.

1963-1970: La modernizzazione e lo sviluppo della rete

I primi obiettivi di Enel sono stati la modernizzazione e lo sviluppo della rete elettrica con la costruzione di dorsali ad alta tensione, i collegamenti internazionali, collegamenti con le isole, l’elettrificazione delle zone rurali e la creazione del Centro Nazionale per l’invio. Questi progetti dovevano essere co-finanziati dallo Stato attraverso l’emanazione nel 1965 di titoli obbligazionari per un valore di oltre 200 miliardi di lire. In questo periodo, la produzione di energia termoelettrica ha superato per la prima volta quella di energia idroelettrica.

Elettrificazione rurale

In termini di elettrificazione rurale, gli insediamenti che non erano collegati alla rete elettrica sono passati dall’1,27% del 1960 allo 0,46% nel 1964, con oltre 320.000 nuovi residenti collegati. Nel quinquennio tra il 1966 e il 1970 sono stati effettuati ulteriori investimenti per l’elettrificazione rurale, l’80% dei costi sono stati coperti dallo Stato e il 20% da Enel.

1970-1980: La crisi energetica e la ricerca di nuove fonti

Il decennio degli anni 1970/80 è stato caratterizzato da una grave crisi energetica che ha portato l’azienda a drastiche misure di austerità e alla definizione di un piano energetico nazionale, che ha definito l’obiettivo la costruzione di nuove centrali elettriche e la ricerca di nuove fonti di energia.

1980-1990: rinunciando nucleare

Il 1980 è stato caratterizzato dalla costruzione di nuovi impianti e dalla sperimentazione di forme alternative di energia, nonché da una graduale riduzione della dipendenza da idrocarburi che è passata dal 75,3% del 1973 al 58,5% del 1985.

Nel 1986 Enel ha avuto il suo primo bilancio positivo, con 14 miliardi e 100 milioni di lire utile lordo.

Infine, nel 1987, a seguito del disastro di Chernobyl, il primo referendum sul nucleare ha avuto luogo. Questo ha segnato la fine del nucleare in Italia, la chiusura e la sospensione di tutte le costruzioni di centrali nucleari e l’istituzione di un nuovo piano energetico nazionale.

1990-2000: liberalizzazione e privatizzazione

Tra il 1990 e il 2000, il Paese ha assistito a una progressiva liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica. Nel luglio del 1992, il Governo Amato ho trasformato Enel in una società per azioni con il Ministero del Tesoro come azionista unico. Nel 1999, il Decreto Bersani segna l’inizio della liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica; una ristrutturazione aziendale di Enel è iniziata, con la separazione della produzione, trasmissione, dispacciamento e vendita di energia.

2000-2010: le politiche ambientali e l’internazionalizzazione

Nel corso degli anni 2000, la società ha lavorato sulle politiche per ridurre l’impatto ambientale della produzione di energia e su una progressiva internazionalizzazione di Enel, attraverso una serie di fusioni e acquisizioni.

2010-oggi

Questo periodo è stato segnato con la nomina di un nuovo Consiglio di Amministrazione, che ha definito la riorganizzazione delle attività all’estero e riduzione del debito della società come principali priorità della società per il futuro.

Le criticità di enel

Enel invia fatture bimestralmente aggiungendo il 30% in più sulle fatture.

Oltre l’europa, dove possiamo trovare enel?

  • Nord America
  • Sud America
  • America Centrale

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.