L’etica discutibile degli ESG contro il Bitcoin

Il Bitcoin riceve una copertura mediatica sproporzionata sulla sua minuscola frazione di percentuale delle emissioni globali e sull’impatto ambientale relativamente irrilevante. Perché ciò avvenga è necessario seguire il denaro nella contabilità ambientale, sociale e di governo societario (ESG). I contabili ESG sembrano utilizzare il libro mastro aperto e trasparente di Bitcoin, che può essere verificato da chiunque nel mondo in tempo reale, per esagerare l’impatto di Bitcoin sull’ambiente, con scienza scadente, mentre traggono profitto dalle stesse paure che provocano.

Nel febbraio 2022, un editoriale, intitolato “Revisiting Bitcoin’s Carbon Footprint”, è stato pubblicato sulla rivista scientifica “Joule”, scritto da quattro ricercatori: Alex de Vries, Ulrich Gallersdörfer, Lena Klaaßen e Christian Stoll. Il loro commento, che ammette limitazioni nelle loro stime, afferma che quando i minatori di bitcoin sono migrati dalla Cina al Kazakistan e agli Stati Uniti nel 2021, l’impronta di carbonio della rete è aumentata dello 0,19% nelle emissioni globali. Ciò che è passato inosservato ai media è che i ricercatori hanno motivi professionali per sopravvalutare l’impatto ambientale relativamente piccolo di Bitcoin.

L’autore principale dell’editoriale, Alex de Vries, non ha rivelato di essere impiegato dalla De Nederlandsche Bank (DNB), la banca centrale olandese. Le banche centrali non sono fan dei binari di pagamento globali aperti, che aggirano i livelli di regolamento monopolistici del governo. De Vries ha pubblicato per la prima volta il suo “Bitcoin Energy Consumption Index” nel novembre 2016, che coincide con il suo primo round di lavoro con DNB, dando l’impressione che la DNB abbia incoraggiato la sua critica al consumo energetico di Bitcoin. Nel novembre 2020, de Vries è stato riassunto dalla banca centrale olandese come data scientist nella sua unità di criminalità economica finanziaria e da allora ha partecipato a un tour mediatico mondiale per la sua ricerca “hobby”. Poiché DNB sta ora promuovendo la sua ricerca, è effettivamente un ricercatore dell’opposizione pagato per DNB.

In qualità di dipendente di una banca centrale, de Vries ha un incentivo a esagerare l’impatto ambientale di Bitcoin per proteggere gli interessi del suo datore di lavoro.

I suoi collaboratori, però, hanno motivazioni del tutto diverse. Gallersdörfer, Klaaßen e Stoll sono i cofondatori del Crypto Carbon Ratings Institute (CCRI), una società che fornisce dati sull’esposizione al carbonio degli investimenti in criptovaluta e delle attività commerciali.

Collettivamente, i tre ricercatori del CCRI hanno scritto quasi una dozzina di articoli accademici sull’impatto ambientale delle criptovalute.

Il modus operandi del CCRI consiste nell’esagerare l’impatto ambientale di Bitcoin attraverso una tecnica che il Cambridge Center of Alternative Finance (CCAF) descrive come bias del presentatore. Ciò comporta fare confronti mele-arance, come confrontare Bitcoin con piccoli paesi, al fine di suscitare indignazione, piuttosto che fare confronti mele-mele con altri settori. Le migliori stime del CCRI sulle emissioni di carbonio vengono quindi confezionate e vendute alle istituzioni finanziarie che sono sotto pressione per divulgare la contabilità ESG a causa dell’indignazione degli investitori promossa dal pregiudizio del presentatore che la stessa CCRI ha utilizzato per provocare quell’indignazione.

Non importa che i piccoli paesi con cui si confronta Bitcoin abbiano un PIL che è la metà del valore garantito dal Bitcoin. Non importa se i documenti pubblicati sono di basso livello o mancano di una rigorosa revisione tra pari (il processo di revisione tra pari di “Joule” è tenuto segreto e non richiede una revisione tra pari per gli articoli di commento). Né importa che le emissioni di Bitcoin siano troppo piccole per avere un impatto significativo sul cambiamento climatico. Tutto ciò che conta è che i media siano disposti a pubblicare articoli che mettano in evidenza le loro narrazioni scientifiche spazzatura, insieme a esempi scelti con cura, e il settore finanziario subisce pressioni per stipulare un contratto con il CCRI per utilizzare la loro ricerca e i loro dati.

I ricercatori ESG sono in grado di trarre profitto, sfruttando i media per alimentare l’indignazione pubblica, su ciò che equivale a una quantità così irrilevante di emissioni di carbonio che gli ambientalisti reali dovrebbero essere disturbati da distrarre l’attenzione del pubblico da questioni più grandi che hanno conseguenze reali e sostanziali per umanità.

ESAGERANDO L’IMPATTO AMBIENTALE DI BITCOIN

Ironia della sorte, nella pagina Confronti dell’Università di Cambridge, dove descrive i trucchi del pregiudizio dei presentatori ESG, pubblica un grafico che esagera il consumo energetico di Bitcoin per sembrare più grande di quello che è. Ecco l’opera d’arte originale di Cambridge:

Nota come Bitcoin abbia quasi le stesse dimensioni dei settori che hanno valori significativamente più alti. Se i ricercatori di Cambridge avessero disegnato le bolle in scala adeguata, sembrerebbe così:

Questi tipi di confronti non raccontano nemmeno la storia completa, dato che il Bitcoin utilizza più energia rinnovabile di qualsiasi altro settore. Nonostante ciò che il mondo accademico e i media vorrebbero farci credere, l’impatto ambientale di Bitcoin è troppo piccolo per avere un impatto significativo su scala globale.

Questo non vuol dire che i minatori di bitcoin non abbiano la responsabilità di essere buoni amministratori dell’ambiente nelle loro comunità. Tuttavia, queste sono preoccupazioni locali e non particolarmente un buon uso di un’attenzione internazionale smisurata se il vero obiettivo è la protezione dell’ambiente globale.

Quando i ricercatori ambientali, i media e il governo dedicano più di una frazione dell’uno per cento dei loro contenuti alla discussione delle emissioni di Bitcoin, diventa un disservizio per l’ambientalismo. Deviazioni indebite servono solo a segnalare la virtù, distrarre da questioni più importanti e rendere le persone meno fiduciose nelle legittime cause ambientali.

Il CCRI non sta risolvendo problemi ambientali di impatto quando ammonisce il Bitcoin. L’azienda estrae dati blockchain aperti per le sue narrazioni guidate dai media e fa vergognare il mercato ad acquistare, a scopo di lucro. Questi dati consentono agli investitori istituzionali di rivendicare la neutralità del carbonio e di invogliare gli investitori attenti all’ambiente nei loro prodotti, senza ottenere risultati di particolare sostanza.

“L”investimento ESG’ nella sua forma attuale è simile alle persone che si fanno selfie in luoghi fantastici per mostrare che erano lì, mentre lo sperimentano a malapena per davvero. Per lo più teatro, poca sostanza. Ad esempio, inquiniamo, ma acquistiamo compensazioni per renderlo un problema di qualcun altro. Esternalizziamo la nostra base manifatturiera in un altro paese per ridurre il consumo energetico principale, ma poi acquistiamo i prodotti che producono accusandoli di inquinamento. Questa è una deviazione, non una riforma… Le persone vendono le loro azioni cinesi, acquistano invece azioni Apple e si danno una pacca sulla spalla. Nel frattempo il loro telefono, computer, sedia, scarpe da ginnastica, pentole, dispositivi elettronici e giocattoli per bambini sono tutti in parte di fabbricazione cinese. Un sacco di esso è vetrinistica. “ESG” come attualmente utilizzato è aziendale, igienizzato e quasi privo di significato. È come la parola “sinergia”. È un rapporto TPS. Semmai, fingere di fare del bene a spuntare certe caselle percepite da altri, mentre si continua a fare quello che stavamo facendo prima, rallenta il vero progresso. Una delle cose peggiori che possiamo fare è sentirci come se stessimo facendo qualcosa di costruttivo, senza farlo davvero”

Lyn Alden

VENDITA DI INVESTIMENTI PROOF-OF-SAKE

Il CCRI pubblica un rapporto annuale per promuovere le reti proof-of-stake come rispettose dell’ambiente, promuovendo al contempo una metrica “energia per transazione” altamente fuorviante. Ciò che non viene riconosciuto nel rapporto del CCRI è che la prova della posta in gioco non sostituisce la prova del lavoro, poiché i due meccanismi di consenso raggiungono obiettivi completamente diversi.

La prova del lavoro è un meccanismo di consenso che garantisce che pool di miner possano sfidare collettivamente i cattivi attori, assicurando che nessuna parte possa affermare il controllo sugli altri utenti, il tutto fornendo una distribuzione equa e meritocratica di nuove monete. La prova della partecipazione non riesce a raggiungere questo obiettivo in quanto assomiglia a una struttura di sicurezza aziendale, in cui i detentori più ricchi hanno tutto il potere di voto e i fondatori premono un’autorità di controllo inattaccabile sugli utenti, ricevendo al contempo dividendi composti.

Con la Proof of Stake, gli utenti devono fidarsi dei fondatori per non attaccarli con il denial-of-service (DoS). Come prova di lavoro, i minatori acquistano energia su un mercato aperto per rendere troppo costosi gli attacchi DoS, il che a sua volta consente a Bitcoin di proteggere i diritti degli utenti delle minoranze. La prova del consumo energetico del lavoro è una caratteristica, non un bug.

I ricercatori ambientali che affermano che la prova della posta in gioco è un meccanismo di consenso più efficiente sono come un think tank politico che promuove l’autoritarismo plutocratico come un tipo di governo più efficiente. Paragonare la prova della posta in gioco con la prova del lavoro manca del tutto il punto di come funziona il decentramento e di cosa intende ottenere.

Ma perché il CCRI produce un rapporto? Gli investitori istituzionali commissionano la ricerca del CCRI, al fine di promuovere altcoin centralizzati, mentre utilizzano i dati del CCRI per vendere investimenti “crypto” compatibili con ESG. Sopravvalutando l’impatto globale di Bitcoin e promuovendo la prova di partecipazione come alternativa, il CCRI sta effettivamente guidando la domanda di prodotti ESG istituzionali e dei propri servizi ESG. Non si tratta di aiutare l’ambiente: è uno schema per fare soldi.

BITCOIN È UN FACILE OBIETTIVO

La contabilità aperta e trasparente del Bitcoin lo rende un obiettivo facile per coloro che traggono vantaggio dall’esagerare l’impatto ambientale di Bitcoin a scopo di lucro. Un interessante esperimento mentale è considerare come i contabili ambientali caratterizzerebbero altri settori se fossero trasparenti sul loro consumo di energia come lo è Bitcoin.

Un rapporto del 2020 della Rapid Transit Alliance ha stimato che l’industria sportiva globale è responsabile dello 0,6% delle emissioni globali, più del triplo delle emissioni di Bitcoin. Il rapporto utilizza lo stesso pregiudizio del presentatore di confrontare le emissioni dell’industria sportiva con quelle della Spagna o della Polonia. Il rapporto afferma che l’industria sportiva globale genera circa 500 miliardi di dollari all’anno, che è notevolmente inferiore all’importo di valore garantito da Bitcoin.

Se l’industria sportiva disponesse di dati sul consumo di energia aperti e trasparenti, come fa il Bitcoin, i contabili ESG vergognerebbero la comunità sportiva per aver causato un disastro ambientale? Sarebbe un buon uso del tempo di tutti quando ci sono questioni ambientali molto più importanti che devono essere risolte?

BITCOIN COME INVESTIMENTO GREEN

Potrebbe non essere evidente dai resoconti dei media, ma il Bitcoin è già un investimento relativamente verde. Un documento del 2021 affermava che “l’aggiunta di Bitcoin a un portafoglio azionario diversificato può sia migliorare la relazione rischio-rendimento del portafoglio sia ridurre le emissioni di carbonio aggregate del portafoglio”. Se le istituzioni si sentono sotto pressione per rendere le loro partecipazioni in bitcoin carbon neutral, non ci vuole molto sforzo. Secondo un rapporto del gennaio 2022 di CoinShares, “Ogni bitcoin richiederebbe la compensazione di 2,2 tonnellate di CO2 all’anno, o più o meno lo stesso di un volo di andata e ritorno in business class tra New York e Tokyo… A un prezzo bitcoin di 42.000 USD, questo ammonterebbe ad un costo annuo dello 0,48%”.

Anche i minatori di bitcoin demonizzati dalla stampa, come Greenidge Generation Holdings, hanno reso le loro intere operazioni di mining al 100% carbon neutral senza sforzi considerevoli. Greenidge utilizza registri di progetto compensati che finanziano progetti per sequestrare e ridurre le emissioni.

Eppure, il Bitcoin è un potente acquirente indipendente dalla posizione dell’ultima risorsa di energia rinnovabile, che bilancia i carichi della rete, può finanziare le energie rinnovabili ostacolate da lunghe code di interconnessione alle reti congestionate e aiuta a mitigare il gas metano bruciato. Quando ci si rende conto che Bitcoin è una soluzione per aiutare a monetizzare le inefficienze nel settore delle energie rinnovabili – e poiché un gioco a somma zero, l’aumento del green mining disincentiva il mining ad alta intensità di carbonio – alcune idee interessanti iniziano a prendere forma.

COMPENSAZIONI DEGLI INCENTIVI

In un articolo scritto da Troy Cross e Andrew M. Bailey, gli “incentivi compensativi” sono proposti come un modo per gli investitori di rendere le partecipazioni in bitcoin carbon neutral investendo solo lo 0,5% delle loro partecipazioni in operazioni di mining di bitcoin verdi. A differenza di altre proposte per il bitcoin verde, la loro promuove l’adozione di Bitcoin, preserva la fungibilità del bitcoin e non costa nulla, pur fornendo un ritorno. Cross ha recentemente discusso l’idea con Peter McCormack in un episodio di “What Bitcoin Did” e durante una conversazione successiva con Nic Carter.

DISINFORMAZIONE ESG

Forse è improbabile che i sostenitori dell’ESG avallino qualsiasi forma di mining di bitcoin verde, poiché neutralizzerebbe efficacemente la loro narrativa conflittuale. Già de Vries et al. hanno fatto di tutto per spacciare argomenti fuorvianti, nel loro editoriale, per criticare il green mining e minimizzare il suo ruolo nelle soluzioni ambientali.

Ad esempio, suggeriscono che la mitigazione del gas infiammato attraverso l’estrazione mineraria offre vantaggi limitati, ma ignorano il fatto che il vento e la diminuzione delle portate dello stack rendono il mining di bitcoin significativamente più efficiente ed ecologico rispetto al consentire al metano di esplodere e potenzialmente sfogarsi nell’atmosfera. Gli ambientalisti hanno recentemente riconosciuto che il metano è un problema molto più grande di quanto si pensasse in precedenza.

O quando de Vries ha mostrato che il consumo di energia di Bitcoin è aumentato dopo che la Cina ha vietato l’estrazione di bitcoin, il che ha comportato un calo ben pubblicizzato del 50% del tasso di hash. De Vries ha rifiutato di includerlo nelle sue stime e lo ha respinto dicendo: “A causa delle precedenti sfide nel determinare l’impatto più probabile sul consumo di energia, qualsiasi adeguamento sarebbe arbitrario. Per questo motivo, non sono stati apportati adeguamenti per riflettere l’impatto immediato del divieto”. Questa è effettivamente un’ammissione che le sue stesse stime sono spurie. De Vries ha fatto una carriera ESG oltre a una metrica “energia per transazione” sfatata, mentre il 100% conteggia il doppio della stessa impronta sugli investitori.

In un articolo scritto da de Vries e Stoll, nel 2021, i due stimavano erroneamente che la vita media di un miner ASIC Bitcoin fosse di soli 16 mesi. Questo è palesemente falso e facilmente smentito dai dati on-chain che mostrano che i Bitmain S7, che hanno sette anni, sono ancora attivamente utilizzati dai minatori. Armando il mondo accademico, le affermazioni fraudolente vengono ripetute dai media senza verifica dei fatti. In realtà, Bitcoin rappresenta circa lo 0,05% dei rifiuti elettronici globali e poiché i minatori ASIC non hanno batterie o sistemi complessi, le parti sono facilmente riciclabili.

Quando si utilizzano argomentazioni fuorvianti per respingere gli sforzi ambientali di Bitcoin, esagerando contemporaneamente la sua impronta, diventa evidente che i critici non agiscono in buona fede. Come possono essere quando hanno evidenti conflitti di interesse?

La comunità ESG ha un problema etico in cui i suoi stessi architetti traggono profitto dall’isterismo che generano e spesso non riescono a rivelare tali conflitti di interesse al pubblico poiché le loro narrazioni di scienza spazzatura vengono amplificate dai media. Confronti esagerati, argomentazioni ingannevoli e motivazioni guidate dal profitto lasciano al pubblico la percezione che criticare l’impronta relativamente minuscola di Bitcoin non derivi da un atto disinteressato e coraggioso di ambientalismo. Piuttosto, sembra che i critici di Bitcoin abbiano in mente motivazioni professionali e il desiderio di mantenere lo status quo, che rendono le loro affermazioni eticamente discutibili.

Al Bitcoin, ovviamente, non interessa. Le energie rinnovabili hanno bisogno di Bitcoin più di quanto Bitcoin abbia bisogno di energie rinnovabili. L’industria ESG può estrarre i dati di Bitcoin, esagerare le sue esternalità e minimizzare qualsiasi progresso per trarre profitto attraverso prodotti di investimento istituzionali verdi. Bitcoin continuerà a produrre blocchi e ad aprire la strada a binari di pagamento aperti con prove di lavoro oneste e incorruttibili. Nel frattempo, i minatori acquisteranno ogni megawatt di energia rinnovabile arenato e sprecato e gli daranno una possibilità di lotta per fare progressi nel mercato. Il futuro della produzione di energia è luminoso e Bitcoin lo utilizzerà per incentivare l’innovazione e la prosperità umana.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.