I progetti del mercato crypto che rubano ai loro investitori

Le truffe crittografiche sono costate agli investitori più di 20 miliardi di dollari negli ultimi cinque anni. Nel 2021, un nuovo tipo di truffa rappresentava circa un terzo dei 7,7 miliardi di dollari persi quell’anno: i rug pulls. Secondo il fornitore di dati blockchain Chainalysis, i casi di fondatori di criptovalute che hanno prosciugato i loro progetti di denaro investito e sono scomparsi senza lasciare traccia sono stati responsabili di $ 2,8 miliardi di perdite.

Come mostra il grafico in fondo a questo articolo, due recenti progetti sono stati particolarmente degni di nota.

Mercato crypto: quale progetto ha “rubato” più soldi?

In cima alla lista c’è il caso OneCoin, che ha fatto notizia quando la fondatrice dello schema Ponzi è iniziato nel 2014, Ruja Ignatova, è scomparsa nel 2017 e una task force congiunta di Europol, polizia tedesca e bulgara ha fatto irruzione nella sede dell’azienda nel 2018. Stime della cifra si attestano tra i 4 e i 15 miliardi di dollari.

Seguendo una definizione più rigorosa di rug pull, OneCoin non si qualificherebbe necessariamente per questo elenco, poiché la valuta non è mai stata negoziata pubblicamente o, di fatto, decentralizzata.

L’exchange di criptovalute turco Thodex, d’altra parte, si qualifica pienamente come un rug pull. Nell’aprile 2021, il fondatore Fatih Faruk Özer è fuggito dal paese dopo aver presumibilmente dovuto chiudere la sua piattaforma a causa di attacchi informatici, quando in realtà Özer è scappato con 2,6 miliardi di dollari di fondi degli investitori.

Il resto dei maggiori guadagni confermati ammontano solo a un importo compreso tra 22 e 58 milioni di dollari, che sono importi piccoli rispetto alle capitalizzazioni di mercato totali e ai volumi di scambio di criptovalute come Bitcoin ed Ethereum, ma si sono comunque rivelati devastanti per molti investitori su piccola scala.

A parte i creatori di criptovalute con intenti dannosi, le aziende nella finanza decentralizzata o nello spazio DeFi sono bersagli preziosi per hacker, truffatori e truffatori a causa della loro natura non regolamentata.

Nel complesso, più di 14 miliardi di dollari di movimenti di criptovalute nel 2021 sono stati attribuiti ad attività illegittime da Chainalysis, con furti di criptovalute che hanno contribuito all’importo complessivo di 3,2 miliardi di dollari. Il 72% di questo denaro rubato è stato acquisito dai protocolli DeFi.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.