Forex e Federal Reserve: tutto in discussione dopo la guerra tra Ucraina e Russia?

Nell’ultimo mese abbiamo ribattuto che tra le previsioni di “sei o sette” rialzi dei tassi nel 2022 e, più recentemente, fino a nove rialzi consecutivi dei tassi come previsto da JPMorgan venerdì scorso.

La visione della Federal Reserve e quello che potrebbe accadere sul mercato forex

Curiosamente, è stato nientemeno JPMorgan che alla fine della scorsa settimana ha avvertito che il mercato dei tassi previsionali si sta già concentrando sui tagli dei tassi che verranno dopo l’attuale breve ciclo di inasprimento.

Ora, con la situazione in Ucraina e con il petrolio in aumento e che minaccia di esplodere a livelli che avrebbero prontamente fatto crollare la crescita economica globale (simile a quello che è successo nell’estate del 2008 quando i 150 dollari al barile insieme al fallimento di Lehman hanno prontamente innescato la crisi finanziaria globale), altri stanno anche iniziando ad ammettere che ciò che verrà dopo non è una spirale di rialzo esponenziale dei tassi, ma una Fed che torna alle sue radici di stimolo monetario, soprattutto dopo la fase di medio termine.

In una nota di fine lunedì di Makoto Noji, chief currency strategist di SMBC Nikko Securities e stratega delle obbligazioni estere, ha scritto che il mercato dei tassi statunitensi valuterà gradualmente la possibilità che un tasso terminale per la Fed del 2% o inferiore sarà sufficiente per mantenere l’inflazione sotto controllo, poiché “una correzione più profonda delle azioni porterà a un tasso di risparmio più elevato per le famiglie statunitensi, raffreddando i consumi e smorzando l’inflazione”.

Pertanto, secondo Noji, la Fed non dovrà essere accomodante per sostenere i prezzi delle azioni, anche se è improbabile che la banca centrale eviti di aumentare i tassi a marzo o di ripensare un percorso di rialzo oltre marzo (a meno che, ovviamente, non ci sia qualche crollo imprevisto del mercato nelle prossime 4 settimane).

Secondo SMBC, è probabile che i rendimenti dei Treasury a lungo termine scendano moderatamente durante l’estate, e in effetti sono già scesi drasticamente, passando da oltre il 2,1% della scorsa settimana all’1,85% in questo momento a causa dei timori di conflitti militari, perché il modo più sicuro per una recessione globale, è uno shock economico che induce un aumento dei prezzi del petrolio.

Noji non è l’unico a suggerire che gli eventi in Ucraina avranno un impatto sulla strategia della Fed: nientemeno che Marko Kolanovic di JPMorgan ha scritto lunedì scorso che “sebbene il rischio di conflitto in Ucraina sia alto, dovrebbe avere un impatto limitato sui mercati azionari globali e probabilmente richiederebbe una rivalutazione da colomba”.

Perché se c’è qualcosa in cui la Fed non entrerà, è una guerra globale, si potrebbe pensare.

Nel frattempo, il mercato sta già rispondendo e i trader di swap hanno ridotto le scommesse sui futuri aumenti dei tassi da parte della Federal Reserve, poiché le crescenti tensioni sull’Ucraina hanno colpito gli asset rischiosi. Come mostrato di seguito, gli swap indicizzati overnight segnalano una probabilità del 19% di un aumento di 50 pb a marzo, rispetto a una probabilità del 56% vista una settimana fa. Le probabilità sono diminuite costantemente dati i rischi geopolitici e i recenti discorsi dei funzionari della Fed che hanno minimizzato questa possibilità.

Tuttavia, la Fed aumenterà il suo tasso di riferimento di quasi 150 punti base, o 6 aumenti dei tassi, entro la fine di quest’anno, ben al di sotto dei 175 punti base della scorsa settimana.

Se il conflitto in Ucraina e il rallentamento economico degli Stati Uniti dovessero intensificarsi ulteriormente, il numero di aumenti dei tassi alla fine del 2022 si ridurrà ogni giorno, fino a quando lo spavento sempre più stringente di gennaio 2022 sarà un lontano ricordo.

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.