Il DAX alla prova dei 10.500 punti

Il dax si trova alla prova dei 10.500 punti e sarà interessante vedere come si comporterà, visto che si trova all’interno di due canali: uno statico e uno dinamico. Lo scenario più probabile al momento è quello di vedere l’indice tedesco rimbalzare nuovamente sulla resistenza dinamica.

DAX 30

Analizzerò l’indice sui tre time frame di riferimento:

Mensile

Su questo time frame puoi notare come il trend di fondo (partendo dal lontano 1991) sia nettamente rialzista e i supporti e resistenze più importanti li puoi trovare ai seguenti livelli:

  • 12.365 (Resistenza e massimo assoluto)
  • 8.147 (Resistenza)
  • 4.975 (Supporto)
  • 3.765 (Supporto)
  • 2.227 (Supporto/Resistenza)
  • 1.246 (Supporto e minimo assoluto)

Non c’è stata nessuna grande variazione rispetto all’ultima analisi fatta due settimane fa, di conseguenza ti  consiglio la lettura del seguente articolo: “Allarme borsa, non si fermano i ribassi sul DAX

Per quanto riguarda gli indicatori, abbiamo un MACD al di sopra dello 0 ma non con il suo relativo istogramma, un RSI che oscilla nella sua zona centrale, mentre le medie mobili esponenziali sono ancora tutte orientate al ribasso.

Settimanale

Da un punto di vista grafico la situazione non cambia molto rispetto al time frame mensile, quindi non ci dilungheremo più di tanto.

Per quanto riguarda gli indicatori, abbiamo un MACD al di sotto dello 0 ma non con il suo relativo istogramma, un RSI che oscilla nella sua zona centrale, mentre le medie mobili esponenziali sono ancora tutte orientate al ribasso.

Giornaliero

Su questo time frame, puoi notare come il prezzo sia molto vicino alla resistenza posta in area 10.490/10.500 punti. Da notare comunque, come l’indice tedesco attualmente si trovi in una fase di lateralità compresa tra i 9.400 (supporto) e i 10.500 punti (resistenza).

Vedremo se nelle prossime sedute di mercato, il dax avrà la forza di rompere al rialzo oppure rimbalzerà come ha già fatto a novembre dell’anno scorso sul canale dinamico ribassista.

Per quanto riguarda gli indicatori, abbiamo un MACD al di sopra dello 0 con il suo relativo istogramma, un RSI vicino la zona di ipercomprato, mentre le medie mobili esponenziali sono ancora tutte orientate al ribasso.

CONSIGLIO OEPRATIVO: aspettiamo il prezzo sui massimi del canale ribassista, vediamo come si comporta e se il mercato ci offre un segnale short entriamo.

dax

Post a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.