Lateralità sul cambio euro dollaro. Ecco cosa fare e quando entrare


Il cambio euro dollaro al momento si ritrova impantanato in una fase di laterlaità che dura oramai da qualche settimana. Cosa fare e quando entrare? Scoprilo continuando nella lettura di questo articolo.

Il punto di vista fondamentale del cambio EURUSD

COT

Per quanto riguarda l’euro, i grandi investitori continuano ad acquistare contratti long a discapito di quelli short.

Invece sul dollaro americano i big investors sono tornati aa vedere contratti long a discapito di quelli short.

Da un punto di vista del commitment of trading (COT) la situazione sembra essere ribassista su questa coppia valutaria.

Il punto di vista grafico del cambio euro dollaro americano

Passo ad un punto di vista grafico per quanto riguarda il cambio euro dollaro americano, ed andrò ad analizzare i tre time frame di riferimento.

Mensile (Monthly)

Su questo time frame, puoi notare come il prezzo al momento abbia raggiunto l’area di 1.2450 per poi cominciare il suo lento ritracciamento nel mese di febbraio. Con la chiusura del mese di marzo, il prezzo si è proiettato in zona al di sopra della resistenza statica in area 1.23.

La metà del mese di aprile è passata, ma al momento il prezzo sembra ben proiettato verso i massimi relativi precedenti in zona 1.2450.

Da un punto di vista degli indicatori, abbiamo un MACD al di sopra dello 0 con il suo relativo istogramma, un RSI che oscilla vicino la zona di ipercomprato mentre le medie mobili esponenziali sono tutte orientate al rialzo.

Settimanale (Weekly)

Su questo time frame confermo quello che ho detto nel mensile.

Giornaliero (Daily)

Su questo time frame si può notare la lateralità che sta opprimendo il cambio euro dollaro americano a partire dal 24 febbraio di quest’anno.

Tracciando una trend line ribassista a partire da febbraio di quest’anno e un supporto dinamico da aprile dell’anno scorso, si può evidenziare un classico triangolo simmetrico. Con questa figura tecnica il prezzo potrebbe uscire da questa laterlatià che sta durando oramai da più di un mese.

Da un punto di vista degli indicatori, abbiamo un MACD al di sopra dello 0 con il suo relativo istogramma, un RSI che oscilla nella sua zona centrale mentre le medie mobili esponenziali sono tutte piatte.

CONSIGLIO OPERATIVO: aspettiamo la rottura da parte del prezzo del supporto o resistenza dinamica, prima di effettuare ingressi al rialzo o al ribasso.

cambio euro dollaro

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *