Il cambio euro dollaro americano dopo la FED, quali scenari ci attendono?


In questo articolo, vediamo come sta evolvendo la situazione sul cambio euro dollaro americano (EUR/USD) dopo la pubblicazione del tasso di interesse.

Il punto di vista fondamentale del cambio EURUSD

COT

Per quanto riguarda l’euro, i grandi investitori continuano ad acquistare contratti long a discapito di quelli short. Le unità al momento non sono aumentate rispetto a due settimane fa.

Invece sul dollaro americano, al momento la situazione sembrerebbe aver preso una piega ben definita, visto che nelle ultime settimane i big investor stano aumentando le loro posizioni short a discapito di quelle long.

Da un punto di vista del COT quindi abbiamo una situazione rialzista sul cambio euro dollaro americano.

Per approfondire…

Il punto di vista grafico del cambio euro dollaro americano

Passo ad un punto di vista grafico per quanto riguarda il cambio euro dollaro americano, ed andrò ad analizzare i tre time frame di riferimento.

Mensile (Monthly)

Su questo time frame, puoi notare come il prezzo al momento abbia raggiunto l’area di 1.2450. Ieri si è chiuso il mese, quindi al momento si è venuta a delineare la classica candela di continuazione del trend. Non mi stupirebbe vedere nelle prossime settimane una continuazione del trend rialzista, fino al raggiungimento di area 1.25/1.2550.

Da un punto di vista degli indicatori, abbiamo un MACD al di sopra dello 0 con il suo relativo istogramma, un RSI che oscilla nella zona di ipercomprato mentre le medie mobili esponenziali sono tutte orientate al rialzo.

Settimanale (Weekly)

Su questo time frame confermo quello che ho detto nel mensile.

Giornaliero (Daily)

Su questo time frame, puoi notare come il prezzo, nelle ultime sedute di mercato, abbia provato più volte a rompere al rialzo la resistenza posta in area 1.2451 ma senza nessun effetto.

Adesso sarà interessante vedere come reagirà il cambio euro dollaro americano, se rimarrà in questa fase di lateralità compresa tra 1.2450 (resistenza) e 1.23060 (supporto) oppure con i dati macroeconomici che arriveranno dall’America nella giornata di venerdì, daranno una spinta al rialzo a questo cross valutario.

Ovviamente se il prezzo dovesse rompere il supporto citato poc’anzi, allora si aprirebbero degli scenari di ritracciamento.  

Da un punto di vista degli indicatori, abbiamo un MACD al di sopra dello 0 con il suo relativo istogramma, un RSI che oscilla nella zona di ipercomprato mentre le medie mobili esponenziali sono tutte orientate al rialzo.

cambio euro dollaro americano

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *