Il petrolio al momento rimane in attesa… Ma di cosa?


Interessante scenario che si è formato sul petrolio in queste ultime settimane di mercato. Dopo aver raggiunto la resistenza mensile a 66 dollari, quale sarà il prossimo target? Scoprilo continuando nella lettura di questo articolo!

Paragrafi principali:

  • Analisi Analitica
  • Analisi Grafica

Il punto di vista fondamentale dello US OIL

C’è un puto di vista che andremo ad analizzare sul petrolio, ovvero:

Dati Macroeconomici

Nessun dato macroeconomico al momento è balzato agli onori della cronaca su questa importante materia prima. Ti ricordo che nella giornata di mercoledì, saranno pubblicati sul calendario economico i dati sulle scorte di greggio.

Previsione petrolio da un punto di vista grafico

Adesso passo ad un punto di vista grafico per quanto riguarda il petrolio, ed andrò ad analizzare i tre time frame di riferimento.

Mensile (Monthly)

Su questo time frame, puoi notare come il prezzo abbia rotto i massimi relativi precedenti di maggio 2015 in area 63 dollaro al barile. Molto interessante comunque rimane lo scenario generale, visto che facendo un analisi di più ampio respiro, il prezzo potrebbe arrivare a toccare la zona dei 70/76 dollari (molto frastagliata) con non poca fatica.

Ovviamente arriviamo da cinque mesi con chiusure positive, quindi non mi stupirebbe vedere il petrolio ritracciare prima di raggiungere il target citato poc’anzi.

Da un punto di vista degli indicatori, abbiamo un MACD al di sopra dello 0 con il suo relativo istogramma, un RSI che si sta avvicinando alla zona di ipercomprato mentre le medie mobili esponenziali si stanno orientando al rialzo.

Settimanale (Weekly)

Su questo time frame confermo quello che ho detto nel mensile.

Giornaliero (daily)

Su questo time frame, puoi notare come il prezzo dopo aver rotto la resistenza in area 62.42 dollari al barile, abbia raggiunto un’altra resistenza mensile ovvero quella dei 66$.

Come detto nel paragrafo precedente, adesso il prossimo step di questa materia prima potrebbe essere area 70 dollari al barile. Il petrolio però, secondo una mia attenta analisi, dovrebbe stornare in area 64/64.50$ e poi solamente dopo mettersi al rialzo.

Da un punto di vista degli indicatori, abbiamo un MACD al di sopra dello 0 con il suo relativo istogramma, un RSI che si sta avvicinando allontanando dalla zona di ipercomprato mentre le medie mobili esponenziali sono tutte orientate al rialzo.

CONSIGLIO OPERATIVO: aspettiamo un ritracciamento da parte del prezzo, e al primo segnale valido di rialzo, entrare a mercato.

petrolio

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *