Trading Forex su: USD/JPY, GBP/USD e NZD/CAD


Rieccoci con la nostra classica rubrica settimanale di forex trading, dove ti facciamo vedere come lavoriamo con i nostri iscritti premium.

Ovviamente la differenza tra un iscritto premium e l’articolo che stai leggendo, e che non inseriamo gli ingressi.

Ecco la nostra lista trading

Prima di indicarvi le posizioni che monitoreremo questa settimana, andiamo a fare un riepilogo dei cross e delle materie prime che abbiamo aperto lo scorso lunedì.

NZDUSD

Nella giornata di venerdì si è venuta a creare una candela di compressione ribassista e siamo ancora in guadagno di 42 pip, continuiamo a mantenere la posizione aperta, visto che il MACD e lo stocastico sono ben orientati al ribasso.

EURCAD

Siamo tornati in guadagno di 53 pip, abbiamo rotto una resistenza di breve periodo posta a 1,32190. Al momento tutti gli indicatori ci indicano che siamo agli inizi di un trend rialzista, perciò manteniamo la posizione aperta.

USOIL

Siamo in guadagno di 250 pip, la scorsa settimana abbiamo chiuso un terzo di posizione portando un profitto nel nostro portafoglio di 300 pip. Il prezzo da come si può vedere dal grafico, si è messo in una fase di lateralità perciò aspettiamo la rottura del canale.

La nostra watchlist per questa settimana

  • USDJPY
  • GBPUSD
  • NZDCAD

USD/JPY

Questo cross è in una fase iniziale di una possibile inversione di tendenza di breve. Quindi è interessante monitorare la conferma di rottura della resistenza dinamica e un ritest dell’area per ricercare ingressi short da tenere per qualche settimana.
trading

GBP/USD

La sterlina sta riacquistando forza mentre il dollaro si sta indebolendo. Questa affermazione è supportata anche dal posizionamento degli istituzionali e dal numero dei contratti che stanno aprendo e chiudendo su queste valute.

Per questo saranno interessanti le prossime contrattazioni e la reazione del prezzo sul livello di prezzo a 1,55.

NZD/CAD

Il dollaro canadese rispetto alla settimana precedente e riacquistato forza. Interessante il doppio massimo che si è creato sul grafico mensile che prelude ad una debolezza del dollaro neozelandese. Per questo attendiamo un ritorno dei prezzi in area 0,94 ed un segnale short che potremmo iniziare a sfruttare per un ingresso contro-trend a rischio 1%. Il target dell’ingresso potrebbe essere l’area di 0,86.

Per il momento però attendiamo in maniera paziente e lasciamo che il mercato ci sveli le sue intenzioni.

Ti auguro un buon inizio settimana e un buon trading!

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *