Le Onde di Elliot nel Forex


Rieccoci cari amici e care amiche, dopo le vacanze natalizie, ritorniamo con i nostri classici materiali didattici. Oggi vi vogliamo parlare delle Onde di Elliot nel mercato del forex. Questo sarà uno dei primi 3 articoli didattici, perché andremo ad approfondire questo argomento.

Elliot colui che diede il nome a questa teoria, scoprì cose molto interessanti sull’evoluzione del mercato in fase di trend rialzista o ribassista, e pensate che questa teoria è una delle più vecchie del mercato del forex e di quello azionario.

Secondo il creatore di quest teoria, il mercato ha un andamento ciclico che può essere suddiviso in sette/otto onde, nelle quali all’interno di ognuna ci sono altrettante onde. Ovviamente le onde principali vivono due momenti molto importanti che sono: impulsive e correttive.

arton56Come si può vedere dall’immagine, questa è una classica onda di Elliot che si viene a creare in una fase di trend rialzista nel forex, teniamo a precisare che può accadere lo stesso in fase di trend ribassista.

Una cosa molto importante che c’è da sapere è questa, che se un’onda (la superiore) si muove in direzione del trend, allora l’onda sarà suddivisibile in 5 parti, mentre se un’onda si muove in direzione opposta del trend, allora quell’onda si potrà dividere solamente in 3 parti.

Ma come si individua un’onda di Elliot? 

  • La seconda onda non deve scendere mai al disotto della prima.
  • L’onda numero tre deve essere la più lunga rispetto alle altre onde che vanno a comporre quella principale.
  • Il minimo dell’onda numero quattro, non deve essere minore al massimo che viene a creare la prima onda.

Di seguito vi mostriamo un ciclo completo di Elliot nel forex.

Immagine2

Quando individuiamo la fine del trend rialzista oppure ribassista con le onde di Elliot?

Questa parte forse per alcuni di voi può essere molto più semplice dell’individuare l’onda all’inizio. Il tutto si basa nel guardare l’andamento dell’ultima onda (ovvero la numero 5) sia in fase rialzista e sia in fase ribassista.

Vi diciamo questo perchè, se l’ultima onda principale non riesce a superare il massimo dell’onda numero 3, questo sarà il primo segnale di inversione del trend. Molte volte si viene proprio a creare un doppio massimo o un doppio minimo (se siamo in presenza di un trend ribassista).

Il secondo segnale, lo possiamo individuare dalle sotto-onde della numero 5, che vanno a formare una classica figura, ovvero quella del triangolo. Nel momento in cui il trend oltrepassa uno dei due lati che si vengono a creare, questo è un ulteriore segnale di inversione.

index.677

Adesso tocca a voi, avete individuato un’onda di Elliot  sul vostro grafico del forex?

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *