Come utilizzare al meglio il grafico Renko nel Forex


I grafici Renko sono utili per analizzare il mercato forex guardandolo da un’altra prospettiva. Se ti piace andare al sodo e guardare o prezzi in modo “grezzo”, allora sicuramente vale la pena perdere un po’ di tempo per imparare questi grafici.

L’origine dei grafici Renko non è chiara, ma si pensa che siano stati usati per la prima volta dai trader di materie prime giapponesi nel secolo scorso. Il loro principale punto di forza è che possono semplificare la visione storica dei prezzi e consentire a mercati particolarmente volatili (come petrolio, metalli, esotici e persino alcuni indici) di essere meglio compresi.

Questo metodo di analisi davvero unico, fa si che i piccoli movimenti di prezzo vengano nascosti per mettere in evidenza cose importanti come trend, supporti e resistenze. Con la giusta comprensione, l’analisi del grafico Renko, può produrre intuizioni che sarebbero trascurate utilizzando i grafici convenzionali sul prezzo.

Spiegazione dei grafici Renko nel forex

I grafici Renko non funzionano allo stesso modo dei grafici convenzionali di “prezzo rispetto al tempo”: l’unica somiglianza è che entrambi tracciano il prezzo sull’asse verticale.

Ogni punto in un grafico Renko è un blocco e il blocco viene tracciato ogni volta che il prezzo dello strumento aumenta o diminuisce di una certa quantità. Ciò significa che il grafico si sposta solo sull’asse del tempo quando il prezzo cambia.

In contrasto con i normali grafici “prezzo-tempo”, i pattern grafici Renko sono sempre costituiti da normali linee diagonali che vanno su e giù.

Come capire i trend nei grafici Renko

Lavorare con i grafici Renko richiede un modo diverso di pensare, dato che con questo metodo di mappatura, il modello cambia solo quando il prezzo sale o scende di un importo fisso. Infatti, i grafici Renko non si muovono mai orizzontalmente, ma avanzano verso l’alto o verso il basso alla stessa velocità fissa e ciò può rende la comprensione delle tendenze poco chiara all’inizio.

Quando il prezzo sottostante accelera in una forte tendenza, un grafico normale lo traccia come una linea più ripida sull’asse verticale: ciò rappresenta un più rapido tasso di variazione del prezzo rispetto al tempo. Invece, il grafico Renko traccia più punti (o blocchi) per rappresentare un prezzo in accelerazione: più forte è il trend, più blocchi di Renko saranno tracciati nel grafico in quel periodo di tempo.

Questo significa che l’asse temporale nel grafico Renko non è fisso ma si espande o si contrae in base alla forza del trend:

  • Trend forte = più blocchi tracciati
  • Trend debole = meno blocchi tracciati
  • Nessun trend = nessun blocco tracciato

Lo scopo è quello di nascondere i nervosismi secondari e casuali del mercato forex, che non giocano un ruolo nella comprensione di una trend: mentre normalmente una situazione come questa può essere fonte di confusione, un grafico Renko può dare un’idea delle tendenze che altrimenti verrebbero trascurate concentrandosi solo su un asse tempo-prezzo. Se confrontati fianco a fianco, il grafico Renko di solito ha molta meno confusione e può identificare meglio i trend e i picchi senza il disordine di un normale grafico.

Blocchi fissi o blocchi variabili

Uno degli ostacoli con il sistema Renko standard è quello delle dimensioni del blocco fisso, dato che nei mercati reali, l’entità delle variazioni di prezzo non è fissa ma dinamica. Ciò è noto come “volatilità del mercato”.

Una dimensione del blocco di 100 punti potrebbe essere adatta ad una certa situazione, ma non in un altro momento. Nella maggior parte dei mercati, infatti, la volatilità cambia di giorno in giorno, di settimana in settimana e di anno in anno. Per ovviare a ciò, la maggior parte dei sistemi di cartografia Renko utilizza un’impostazione di volatilità piuttosto che una dimensione di blocco costante: invece di avere una dimensione fissa per ogni incremento o decremento, la dimensione viene impostata in base a una misura di volatilità conosciuta come ATR (Average True Range) o media a scala reale.

In questo modo la dimensione del blocco rappresenta un’unità di volatilità piuttosto che un’unità di prezzo fissa. Il grafico aggiusterà la dimensione in conseguenza alle variazioni di mercato, poiché la volatilità cambia nel tempo: questo evita la necessità di dover impostare una dimensione di blocco piuttosto arbitraria.

L’utilizzo del grafico Renko

I grafici Renko sono particolarmente adatti a trovare aree di supporto e resistenza sui mercati forex, perché condensano periodi lunghi ma statici. Molti trader trovano che questo metodo renda più facile vedere dove si sta verificando il supporto e la resistenza dei prezzi.

Possono anche essere utili per le seguenti analisi grafiche:

  • Scoprire tendenze e schemi che sono oscurati nel plotting basato sul tempo;
  • Analizzare mercati volatili o dove la volatilità sta cambiando nel tempo;
  • Semplificare strutture di grafici complicati;
  • Cercare “breakout” e aree di detenzione dei prezzi.

Strumenti tecnici come medie mobili, oscillatori e resistenza di supporto possono tutti lavorare sui grafici Renko.

Software per i grafici Renko

La maggior parte dei pacchetti di grafici finanziari hanno la capacità di tracciare grafici Renko. Inoltre, esistono adattamenti al sistema Renko standard e per questi ci sono una vasta gamma di indicatori personalizzati e sistemi di trading.

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *