Trading Forex su: ITA 40, EUR/AUD e USD/ZAR


Rieccoci con la nostra classica rubrica settimanale di forex trading, dove ti facciamo vedere come lavoriamo con i nostri iscritti premium. Ovviamente la differenza tra un iscritto premium e l’articolo che stai leggendo, e che non inseriamo gli ingressi. Questa settimana andiamo ad analizzare due coppie di valute (EUR/AUD e USD/ZAR) e il nostro indice azionario di riferimento (ITA 40).

Trading Forex su: ITA 40, EUR/AUD e USD/ZAR

ITA 40

Questa settimana la borsa italiana ha schiacciato sull’acceleratore dopo l’immissione da parte del presidente Mario Draghi del famoso e tanto atteso Quantitative Easing. Ecco perchè attendiamo un pull-back (ritracciamento) sul supporto in area 20.054 per ricercare poi eventuali ingressi long. Perciò rimarremo vigili e potrete osservare la posizione dalla nostra watchlist, nel menù a destra del nostro sito.

trading

EUR/AUD

Questo cross è interessante sia a livello di configurazione grafica che a livello di posizionamento degli istituzionali. Veniamo da una debolezza dell’euro che si è protratta oramai da mesi con l’ultimo annuncio di Draghi sull’inizio del QE che ha portato una ventata di area fresca sui mercati finanziari.

Se pur ancora molto debole l’euro potrebbe iniziare nelle prossime sessione a riguadagnare un po’ di terreno perso soprattutto contro valute come il dollaro australiano che è in un momento di debolezza.

Motivazioni di ingresso:

  • Posizionamento in vendita sull’australiano da parte degli investitori istituzionali, infatti abbiamo 56.000 contratti short rispetto ai 9.000 contratti long. Anche da un punto di vista dei trader possiamo vedere come quelli short siano 39 rispetto ai 17 long.
  • Supporto statico di lungo periodo in area 1,40/1,4030
  • Supporto dinamico che parte dal 7 agosto 2012 e che ha contenuto molto bene i prezzi delle ultime sedute di contrattazione

 USD/ZAR

Attendiamo che il prezzo arrivi nell’area di 11.2770 per ricercare un ingresso long. Interessante la percentuale di ritracciamento e i supporti statici e dinamici intorno a quest’area di prezzo. In più si sta chiudendo il ciclo mensile e quindi dall’insieme di questi elementi potrebbe scaturire un segnale long interessante da tradare. Vedremo nelle prossime contrattazioni cosa accadrà, ma vogliamo ricordare come la volatilità su questo cambio sia diminuita nettamente, dopo che la situazione al momento si trovi in una fase di stallo.

GBP/USD, NZD/CAD e USD/CAD

Le ultime due che abbiamo elencato sono andate entrambe in profitto, andando a prendere i Take Profit, mentre per quanto riguarda GBP/USD la posizione è ancora aperta ma siamo in guadagno di una sessantina di pip. Perciò niente male, in una settimana piena di notizie macroeconomiche importanti.

Ti auguro un buon inizio settimana e ti aspetto nella nostra community!

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *