Il Dow Jones alla prova del supporto dei 18.000 punti


L’indice Dow Jones si trova in un limbo, visto che il prezzo attualmente sta rimbalzando su un supporto di medio lungo termine. Quali scenari si potrebbero venire a creare nelle prossime sedute di mercato?

Indice Dow Jones

Analizzerò l’indice sui tre time frame di riferimento:

  • Mensile
  • Settimanale
  • Giornaliero

Mensile

Su questo time frame, puoi notare prima di tutto i seguenti supporti e resistenze:

  • 18.140 (resistenza e massimo assoluto)
  • 16.062 (supporto)
  • 14.256 (resistenza)
  • 11.564 (resistenza)
  • 9.656 (supporto)
  • 7.134 (supporto)
  • 2.296 (supporto e minimo assoluto)

Da come puoi notare dal grafico, una vera e propria crisi questo indice non l’ha mai avuta a partire dal 1991. Ci sono stati degli importanti ritracciamenti, ma questi non sono mai andati ad intaccare il trend primario in atto.

Il prezzo comunque rimane al momento all’interno del range compreso tra i 18.400 punti e i 18.000 punti. Ovvio che se l’indice americano dovesse chiudere in questo modo a fine ottobre, allora gli scenari grafici ribassisti, uniti a quelli fondamentali (possibile rialzo tasso di interesse) potrebbero aprire nuove vision short sul dow jones.

Da un punto di vista degli indicatori, abbiamo un MACD al di sopra dello 0 con il suo relativo istogramma, un RSI che si sta allontanando dalla zona di ipercomprato, mentre le medie mobili esponenziali sono ancora tutte orientate al rialzo.

Settimanale

Da un punto di vista grafico la situazione non cambia molto rispetto al time frame mensile, quindi non ci dilungheremo più di tanto.

Per quanto riguarda gli indicatori, abbiamo un MACD al di sopra dello 0 con il suo relativo istogramma, un RSI che si è avvicinato alla zona di ipercomprato, mentre le medie mobili esponenziali sono ancora tutte orientate al rialzo.

Giornaliero

Su questo time frame, puoi osservare nel dettaglio quello che ho descritto nel mensile. Il prezzo si è avvicinato al supporto statico in area 18.000 punti, e se questo dovesse venir rotto si aprirebbero ulteriori scenari ribassisti, fino in area 17.450. Non considerando ovviamente gli avvenimenti macro che potrebbero condizionare il mercato del Dow Jones e quello degli altri indici.

Da un punto di vista degli indicatori, abbiamo un MACD al di sotto dello 0 con il suo relativo istogramma, un RSI che si sta avvicinando alla zona di ipervenduto, mentre le medie mobili esponenziali sono piatte.

CONSIGLIO OPERATIVO: rimaniamo in attesa, per capire cosa vuole fare effettivamente il prezzo, rimbalzare o rompere al ribasso?

dow-jones

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *