Presentazione dell’azienda Exxon Mobil


Proseguiamo con l’analisi delle principali blue chip italiane e americane. Nelle prossime settimane, andremo a presentare ogni singola azienda americana e non, per poi cominciare ad analizzarle sia da un punto di vista fondamentale (bilanci) e sia da un punto di vista grafico.

Ecco gli argomenti che tratteremo:

Dopo aver parlato di Apple, oggi conosceremo Exxon Mobil.

Chi è e cosa fa la Exxon Mobil?

Exxon Mobil è una società multinazionale di petrolio e gas americano con sede a Irving, Texas. È il più grande discendente diretto di John D. Rockefeller Standard Oil Company, ed è stata costituita il 30 novembre del 1999 dalla fusione di Exxon (precedentemente Standard Oil Company del New Jersey) e Mobil (ex Standard Oil Company of New York).

E’ la 5° più grande società al mondo per fatturato, ExxonMobil è anche la terza più grande società quotata per capitalizzazione di mercato. ExxonMobil è stata la seconda azienda più redditizia nel Fortune 500 del 2014.

ExxonMobil è la più grande delle supermajor del mondo con la produzione giornaliera di 3.921.000 barili di petrolio. Nel 2008, si è raggiunto il 3% della produzione mondiale, che è meno di alcune delle più grandi aziende petrolifere statali. Per quanto riguarda le riserve di petrolio e di gas è 14° nel mondo, con meno dell’1% del totale.

La ExxonMobil è stata criticata per la sua lenta risposta agli sforzi di pulizia dopo la fuoriuscita di petrolio in Alaska, ampiamente considerata uno dei peggiori perdite di petrolio al mondo in termini di danni per l’ambiente.

La storia di questa grande azienda dal 1800 ad oggi

Gli anni tra il 1870 e il 1911

Sia Exxon e Mobil erano discendenti della Standard Oil, fondata da John D. Rockefeller.

Lo Standard Oil è stata sciolta in base alla legge Sherman Antitrust del 1892. Nel 1893, l’intero mercato cinese riguardo il cherosene è stato assegnato allo Standard Oil Company di New York. Nel 1898, la Standard Oil del New Jersey ha acquisito una quota di controllo dell’Imperial Oil of Canada.

Gli anni tra 1911 e il 1950

Nel corso degli anni, la Jersey Standard e la Socony crebbero in modo significativo.

Gli anni tra il 1972 e il 1998

Nel 1972, la Exxon ha presentato il nuovo marchio unificato per tutti gli ex punti vendita Enco ed Esso. Allo stesso tempo, la società ha cambiato la propria denominazione sociale da Standard Oil del New Jersey a Exxon Corporation, e Humble Oil divenne Exxon Company.

A causa della embargo petrolifero del 1973, Exxon e Mobil si unirono per ampliare la loro esplorazione e la produzione nel Mare del Nord, nel Golfo del Messico, Africa e Asia. Mobil ha diversificato le sue attività nel commercio al dettaglio con l’acquisizione della società madre di Montgomery Ward e Container Corporation. Mobil trasferì la sua sede da New York a Fairfax County, Virginia, nel 1987.

Nel 1996, Mobil e British Petroleum si fusero per la raffinazione europea e la commercializzazione di carburanti e lubrificanti. Mobil ha il 30% del capitale di combustibili e il 51% del capitale di lubrificanti imprese. Come condizione per la fusione tra Exxon e Mobil, la Commissione europea ha ordinato di sciogliere la partnership di Mobil con BP, come anche di vendere la sua partecipazione in Aral.

Nel 1998, Exxon e Mobil hanno firmato un accordo definitivo per fondersi e formare una nuova società denominata Exxon Mobil, la più grande azienda del pianeta.

Dal 1998 ad oggi

Nel 2000, la ExxonMobil ha venduto una raffineria a Benicia e 340 stazioni Exxon-branded per Valero Energy come parte di una cessione FTC. Comunque ExxonMobil continua a fornire prodotti petroliferi di oltre 700 punti vendita a marchio Mobil-in California.

Nel 2005, il prezzo delle azioni di Exxon Mobil sono salite in parallelo con l’aumento dei prezzi del petrolio, superando la General Electric come la più grande società al mondo in termini di capitalizzazione di mercato. Alla fine del 2005, ha riportato profitti record di 36 miliardi di dollari di reddito annuo, il 42% rispetto all’anno precedente.

Nel 2009, la ExxonMobil ha gradualmente eliminato l’estrazione del carbone, vendendo la sua ultima miniera di carbone operativa negli Stati Uniti.

Nel 2010, la ExxonMobil ha acquistato XTO Energy, la società specializzata in sviluppo e produzione di risorse non convenzionali.

Nel 2011, la ExxonMobil ha iniziato una collaborazione strategica con la compagnia petrolifera russa Rosneft per sviluppare il settore Est-Prinovozemelsky nel Mare di Kara e il campo Tuapse nel Mar Nero.

Nel 2012, la ExxonMobil ha iniziato uno sviluppo di metano in Australia, ma si ritirò dal progetto nel 2014. Sempre nello stesso anno, la ExxonMobil ha confermato un accordo per le attività di produzione e di esplorazione nella regione del Kurdistan iracheno.

Nel novembre del 2013, la ExxonMobil ha accettato di vendere le sue quote di maggioranza ad una società con sede a Hong Kong.

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *