Presentazione dell’azienda americana McDonald


Proseguiamo con l’analisi delle principali blue chip italiane e americane. Nelle prossime settimane, andremo a presentare ogni singola azienda americana e non, per poi cominciare ad analizzarle sia da un punto di vista fondamentale (bilanci) e sia da un punto di vista grafico.

Ecco gli argomenti che tratteremo:

Dopo aver parlato la scorsa settimana della Johnson & Johnson, quest’oggi conosceremo il famoso marchio di hamburger: McDonald.

Chi è e cosa fa McDonald?

McDonald è la più grande catena al mondo di ristoranti fast food, che serve circa 68 milioni di clienti al giorno in 119 paesi di tutto il mondo. Fondata negli Stati Uniti nel 1940, l’azienda ha iniziato come un ristorante barbecue gestito da Dick e Mac McDonald. Nel 1948, la famiglia ha riorganizzato la loro attività come un ristorante di hamburger.

L’imprenditore Ray Kroc è entrato in azienda come un agente di franchising nel 1955. In seguito ha acquistato la catena dai fratelli McDonald e ha supervisionato la sua crescita in tutto il mondo. Il ristorante è gestito tramite un franchisee, un affiliato, o la società stessa.

La sua storia

L’attività è iniziata nel 1940, con un ristorante aperto da fratelli Dick e Mac McDonald a 1398 Nord E Street a West 14th Street a San Bernardino, California. La loro introduzione del “System Service Speedee” nel 1948 favorì i principi del moderno ristorante fast-food. La mascotte originale era un uomo con un cappello da cuoco in cima e una testa a forma di hamburger che si chiamava “Speedee”. Nel 1967, finalmente Speedee è stato sostituito con il famoso Ronald.

Il 4 maggio 1961, McDonald prima ha presentato istanza di un marchio di fabbrica degli Stati Uniti sul nome “McDonald” con la descrizione “ristorante drive-in Services”, che continuò ad essere rinnovato fino alla fine di dicembre del 2009.

Il ristorante a San Bernardino fu demolito nel 1976 (1971, secondo Juan Pollo) e il sito è stato venduto alla catena di ristoranti Juan Pollo. Questa zona ora funge da quartier generale per la catena di Juan Pollo, così come un museo del McDonald. Con l’espansione in molti mercati internazionali, l’azienda è diventata un simbolo della globalizzazione e la diffusione del modo americano della vita.

Modello di business

La McDonald Corporation genera entrate come un investitore in proprietà, in franchising di ristoranti, e operatore. Circa il 15% dei ristoranti sono di proprietà e gestiti dalla McDonald Corporation. Il resto sono gestiti da altri attraverso una serie di accordi di franchising e joint venture.

Il modello di business è leggermente diverso da quella della maggior parte delle altre catene di fast-food. In aggiunta alle tasse di concessione ordinarie e spese di marketing, che sono calcolati come percentuale delle vendite. Come condizione per molti accordi di franchising, che variano per contratto, età, paese e posizione, la Società può possedere o affittare le proprietà su cui sono situati i franchising. Nella maggior parte, se non tutti i casi, l’affiliato non possiede la posizione dei suoi ristoranti.

La società possiede attualmente tutte le sue proprietà del valore di 16/18 miliardi di dollari. Tuttavia, negli ultimi tempi, ci sono state richieste di spin off della società in un potenziale investimento immobiliare. L’azienda guadagna una parte significativa dei propri ricavi da canoni di locazione. Questi canoni di locazione sono aumentati del 26% negli ultimi cinque anni, e attualmente rappresentano un quinto del fatturato totale della società.

Il modello di business nel Regno Unito e Irlanda è diverso dal U.S, perché il 30% dei ristoranti sono in franchising, con la maggioranza sotto la proprietà della società. La società allena i suoi affiliati e gestione presso Hamburger University di Oak Brook, Illinois, mentre in altri paesi, i ristoranti sono gestiti da consorzi di McDonald Corporation e di altri enti locali o governi.

Come una questione di politica, la società non fa vendita diretta di prodotti alimentari o di materiali ad affiliati, invece organizza la fornitura di cibo e materiali di ristoranti attraverso approvati operatori logistici. Secondo il Fast Food Nation di Eric Schlosser (2001), quasi uno su otto dei lavoratori negli Stati Uniti hanno in qualche momento lavorato da McDonald.

Fonte: Wiki

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *