Paypal VS il Bitcoin: ecco di chi è la colpa


PayPal ha depositato un brevetto per accelerare i tempi delle transazioni di criptovaluta eliminando i tempi di verifica dei pagamenti, ma gli esperti di Bitcoin sostengono che questo è già possibile, grazie alle tecnologie esistenti in questo settore.

Il 5 marzo 2018, il Cointelegraph ha riferito che PayPal ha depositato un brevetto presso l’USPTO (United States Patent and Trademark Office), per una tecnologia che dovrebbe accelerare i pagamenti di criptovaluta attraverso l’utilizzo di portafogli secondari: in sostanza, PayPal cerca di ottimizzare il processo di liquidazione dei pagamenti di criptovaluta tra commercianti e acquirenti, su piattaforme di vendita al dettaglio o di e-commerce.

I portafogli secondari degli utenti, come descritto nel brevetto ufficiale, permetterebbero di trasferire “dietro le quinte” le chiavi private di acquirenti e venditori, per impedire che ogni transazione venga inclusa e trasmessa al pubblico Blockchain.

PayPal ha infatti sottolineato, che il sistema di verifica delle transazioni ha limitato il potenziale delle criptovalute come Bitcoin.

La risposta di uno sviluppatore bitcoin

Peter Todd sviluppatore di Bitcoin e consulente di crittografia applicata, ha dichiarato che PayPal sta cercando di brevettare una tecnologia già esistente nel settore delle criptovalute perché è stata sviluppata da Opendime.

Creato nel 2016, Opendime è un portafoglio hardware Bitcoin con sicurezza bancaria multi-firma: permette agli utenti di trasferire Bitcoin con chiavi private interne, consentendo agli utenti di utilizzare Bitcoin come moneta legale (come se fossero Dollari USA).

A differenza di portafogli hardware come Trezor e Ledger che possono essere riutilizzati, Opendime è una chiavetta USB che può essere utilizzata solo una volta, poi deve essere distrutta per utilizzare i fondi memorizzati all’interno, consentendone l’utilizzo come denaro normale.

La tecnologia brevettata di PayPal e Opedime è simile in quanto le chiavi private vengono scambiate in off-chain in modo istantaneo. Come ha spiegato il team di Opendime:

“Dal momento che stiamo mettendo le chiavi private in una forma fisica di cui ti puoi fidare, puoi semplicemente consegnare le unità Opendime per spostare le quantità di Bitcoin e non ci sono quantità predefinite.”

Il processo di trasferimento dei pagamenti Bitcoin con Opendime è simile a quello di PayPal, con una singola differenza: la tecnologia di PayPal incoraggia ogni utente a trasferire un intero portafoglio o una chiave privata associata a una quantità predefinita di criptovaluta.

La tecnologia di Paypal può ottimizzare i pagamenti di criptovaluta?

Se la tecnologia di PayPal fosse implementata su larga scala commerciale, potrebbe consentire l’elaborazione immediata dei pagamenti in criptovaluta, eliminando le grandi spese di transazione e, soprattutto, i lunghi periodi di verifica.

Di recente, la principale piattaforma di prenotazione alberghiera della Corea del Sud, Yeogieottae, ha stretto una partnership con Bithumb, la più grande borsa di criptovaluta del paese, per accettare pagamenti in criptovaluta contemporaneamente in Giappone.

Vista quindi la crescente richiesta e , di conseguenza, il crescente bisogno di pagamenti immediati, il sistema di elaborazione dei pagamenti di PayPal potrebbe consentire ai rivenditori di elaborare i pagamenti per gli utenti senza dover le lunghe ore di attesa per la verifica.

Potrebbe, però, esserci un problema nel processo di trasferimento delle chiavi private, se la transazione avviene “fuori catena” in maniera centralizzata. Il brevetto di PayPal ha esplicitamente spiegato che potrebbe fare affidamento su un dispositivo a pagamento per eseguire il processo di liquidazione dei pagamenti, il che potrebbe portare a un sistema centralizzato che sovrintende al trasferimento delle chiavi private.

La settimana scorsa, Owen Williams, organizzatore di podcast sulla tecnologia, ha rivelato, tramite i risultati di GDPR, che PayPal ha condiviso dati finanziari sensibili dei suoi clienti con oltre 600 entità.

La centralizzazione dei pagamenti di criptovalute e chiavi private potrebbe portare, infatti, ad una vulnerabilità e a vendite di dati a sproposito, a meno che, la tecnologia di PayPal, non possa utilizzare portafogli non custoditi e consentire ai commercianti e agli utenti di mantenere il pieno controllo delle loro chiavi private durante l’intero processo.

Scrivi un commento

visualizzare tutti i commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Anche altri dati non saranno condivisi con terzi. I campi obbligatori contrassegnati come *